Vai al contenuto principale

Menù dei canali di comunicazione

Modalità operative per la richiesta di autorizzazione per Convegni e Congressi (27/05/2015)

Avviso alle Aziende

27/05/2015

Ogni impresa farmaceutica titolare di un autorizzazione all’immissione in commercio di medicinali o che provveda all’effettiva commercializzazione degli stessi, che organizza o contribuisce a realizzare, mediante finanziamenti anche indiretti, in Italia o all’estero un congresso, un convegno o una riunione su tematiche comunque attinenti all’impiego di medicinali, deve trasmettere al competente ufficio dell’AIFA, almeno sessanta giorni prima della data dell’inizio del congresso o incontro, una comunicazione contenente elementi utili per la loro valutazione:

  • propria denominazione o ragione sociale, codice fiscale e sede;
  • sede e data della manifestazione; 
  • destinatari dell'iniziativa; 
  • oggetto della tematica trattata e correlazione esistente fra questa e i medicinali di cui l'impresa è titolare; 
  • qualificazione professionale e scientifica dei relatori; 
  • preventivo analitico delle spese.

L’inserimento della domanda di cui sopra viene effettuata attraverso il portale ACC da parte del referente aziendale per i convegni e congressi designato dall’Amministratore delle Utenze Aziendali (AUA) di ogni singola Azienda Farmaceutica. I referenti delle Aziende, per poter utilizzare le funzioni dell’applicazione, dovranno disporre di un’utenza e una password come indicato qui e qui.

In seguito all’approvazione l’utente dell’Azienda disporrà delle necessarie autorizzazioni per accedere a tutte le funzioni dell’applicativo Autorizzazione Convegni e Congressi (ACC). Il referente designato dall’azienda dovrà necessariamente essere provvisto di smart card con certificato per la firma elettronica, obbligatoria per validare le richieste di autorizzazione.

Smart card

La validazione va effettuata esclusivamente mediante firma digitale, ciò comporta che il referente sia provvisto di Smart Card con certificato di firma digitale valido in Italia. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a fare riferimento a quanto riportato nella pagina web dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

Vai al contenuto principale Vai all'inizio della pagina